PIOMBRINO

Santa Sofia • Località Cabelli

Piombrino e la cascata verde smeraldo

Piombrino è l'ideale per passare una giornata al fresco, immersi nella natura.

La cascata che si incontra appena arrivati al fiume è molto bella e suggestiva. In più sotto di lei il fiume Bidente ha creato una pozza profonda dove nuotare o semplicemente sedere agli angoli, per godersi il massaggio della corrente.


Qui i colori sono più accesi: il bosco si allarga e lascia filtrare i raggi del sole che illuminano il verde smeraldo dell'acqua, il bianco delle rocce e le foglie brillanti che vibrano al vento. 

È molto rilassante ascoltare il suono dell'acqua nelle giornate più afose e camminare nelle piccole e basse piscine naturali che la pietra, ondeggiante, custodisce discendendo il fiume.

 

Piombrino è una pozza d'acqua dolce che merita di essere visitata, soprattutto se volete andarci con la famiglia.

 

Il grande spazio roccioso pianeggiante che offre per stendere teli, pranzare, leggere, fare un pisolino o lasciar giocare i bambini è perfetto per concedersi qualche ora di relax circondati dalle meraviglie che il fiume ogni volta sa regalare

COME ARRIVARE

Proseguendo da Santa Sofia verso Campigna, sulla SP4 R del Bidente (ex SS 310), dopo circa 7 km superate la località Cabelli e procedete fino a che sulla sinistra non trovate uno spiazzo ghiaioso dove parcheggiare la macchina (QUI).

Il sentiero parte al di là del guardrail, proprio sulla curva dopo il parcheggio. C'è anche il cartello marrone che lo indica. La parte finale del percorso è più battuta ma inizialmente, scendendo la collina, è un po’ più ripido, quindi attenzione soprattutto se siete con i bimbi.

 

 

CONSIGLI UTILI
Piombrino è molto conosciuto quindi soprattutto il weekend si riempie di giovani e famiglie.

Arrivate presto se volete trovare i posti migliori oppure chi può ci faccia un salto nei giorni feriali, quando è più tranquillo


Meglio avere con sé il pranzo al sacco e tanta acqua. Se indossate scarponcini da trekking, scendere e risalire il sentiero sarà molto più facile.

 

E ricordatevi di portare a casa con voi i rifiuti! La regola è semplice: lasciamo sempre il posto ancor più bello di come l'abbiamo trovato (chi ama il fiume lo protegge e spesso è proprio chi lo frequenta che lo tiene pulito!).

Ah, occhio che il cellulare non prende, già dall'inizio del sentiero, quindi per sicurezza lasciate sempre detto dove andate!

VICINO A PIOMBRINO

fiumi-romagnoli-maifermi-piadinnaal46.jp

Piadineria AL 46

Piadineria e pizza al taglio. 

maifermi-fiumiromagnoli-mappa-zerbale4.j

Zerbale

Il fiume Bidente, oltre a essere ricco di storia, regala davvero tante belle sorprese, prima tra tutte, lo Zerbale: 3 pozze, 2 cascate e tanto tantissimo verde. Le rive del fiume sono circondate infatti dal bosco, dalle rocce e dalla natura, quella vera, che si alza fino alla cima delle montagne tutt’intorno.  

fiumi-romagnoli-maifermi-digadiridracoli

Diga di Ridracoli

Lago ad invaso artificiale immerso nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi che offre varie attività fra le quali gite in canoa e battello elettrico, escursioni a piedi, in mountainbike ed e-bike.

Anche Idroecomuseo sull'acqua, flora e fauna della diga. 

fiumi-romagnoli-maifermi-piadinneriabelp

Piadineria Bel Posto

Sapori artigianali del Corniolo, piadina, merende e tortelli alla lastra.

maifermi-fiumiromagnoli-mappa-laspugna11

La Spugna

In località Cabelli, la Spugna è uno di quei posti bellissimi che non si fa mancare niente. C'è il bosco, la roccia liscia, una pozza dove tuffarsi, una cascatella, un po' di ombra per pranzare e  un'atmosfera selvaggia di grande pace e serenità. 

fiumi-romagnoli-maifermi-agriturismobadi

Agriturismo Badia di Sasso

Ritrova e gusta i più inconfondibili e antichi sapori dell'Appennino tosco-romagnolo.

40 posti letto in camere dislocate all'interno di differenti costruzioni affacciate sulla stessa corte. Struttura pet-friendly.

fiumi-romagnoli-maifermi-giardinobotanic

Giardino botanico di Valbonella

Il Giardino della flora della Romagna, un vero e proprio museo all’aria aperta che ospita interessanti ricostruzioni dei principali ambienti vegetali dell’Appennino romagnolo, con una ricca collezione di specie (circa 300). Il giardino è visitabile attraverso una rete di sentieri.