BORGO FANTASMA
DI CASTIGLIONCELLO

Moranduccio • Firenzuola (FI)

Castiglioncello-borgofantasma-maifermi-head (1).jpeg

Il Borgo fantasma di Castiglioncello, ormai dimenticato tra le colline toscane 

Già da lontano, il Borgo Fantasma di Castiglioncello sa come stupire. 
È là,
sopra al fiume Santerno, appoggiato su un colle di alberi e nuvole, che ti guarda un po' sconsolato, ma comunque bellissimo.

 

La sua è una storia unica, costellata di sciagure funeste come saccheggi di guerra, rovinosi temporali e fulmini incendiari (o anche la disastrosa piena del fiume nel 1777), ma anche di momenti d'oro, come quando era punto nevralgico di confine tra il Gran Ducato di Toscana e quello di Bologna, importantissimo a livello militare e strategico oltre che commerciale. 

Da quando la mulattiera che tagliava il borgo è stata dismessa, Castiglioncello ha scelto di lasciarsi dimenticare: si è man mano spopolato e dal secondo dopoguerra risultava già abbandonato

Oggi, passeggiando tra le case diroccate, che d'estate si tingono di verde edera e d'inverno si coprono d'un candido bianco nebbia, la sensazione è quella di non essere soli

I sassi riposano, l'erba alta e fitta si insinua dove prima c'erano stanze da letto, la chiesa ha ormai rinunciato al riparo del suo tetto ed è diventata nido di rondini: tranne loro, tutto tace. Eppure, per le stradelle senti i passi di chi qui ha abitato e, se guardi bene, alle finestre senza vetri vedi affacciarsi ancora qualcuno.

Il paese sembra immobile in un limbo, dove solo la luce che cambia le ombre durante il giorno si muove. Ha un fascino incredibile. Visitarlo è un'occasione unica per viaggiare nel tempo. 

COME ARRIVARE

Provenendo da Imola in direzione Firenze si percorre la statale Montanara fino a raggiungere la 

località Moraduccio

Arrivati davanti al Ristorante La Cascata, che vi compare dopo una curva sulla sinistra, potete parcheggiare QUI. Ci sono un paio di parcheggi anche poco più avanti ma d’estate non si trova quasi mai posto.

 

Si percorrono a piedi circa 200 metri e poi si svolta a destra, su una stradina in discesa, la via Castiglioncello, chiusa al traffico per una frana, ma che si riesce a scendere facilmente a piedi. Dopo altri 400 metri si raggiunge il ponte e da lì compare la splendida Cascata di Moraduccio.

 

Proseguendo per il sentiero in ripida salita e tenendo la sinistra al bivio con un piccolo sentiero (poco visibile) si arriva ai ruderi del Borgo fantasma di Castiglioncello.

CONSIGLI UTILI
Il Borgo fantasma di Castiglioncello è molto visitato d'estate, complice anche la famosa cascata di Moranduccio, frequentata anche famiglie e bambini. 


Meglio avere con sé il pranzo al sacco e tanta acqua. Se indossate scarponcini da trekking scendere e risalire il sentiero sarà molto più facile.

 

E ricordatevi di portare a casa con voi i rifiuti! La regola è semplice: lasciamo sempre il posto ancor più bello di come l'abbiamo trovato (chi ama la Natura la protegge e spesso è proprio chi la frequenta che la tiene pulita!).

Ah, occhio che il cellulare non prende sempre, quindi per sicurezza lasciate sempre detto dove andate!

VICINO AL BORGO FANTASMA

DI CASTIGLIONCELLO

maifermi-fiumiromagnoli-mappa-cascatadimoraduccio2.jpg

Cascata di Moranduccio

Un balzo di più di 30 metri, meraviglioso in tutte le stagioni. Sotto alla cascata si è creata una pozza ideale per immergersi e rilassarsi rinfrescati dal vento che si incanala seguendo i bordi dell'alta parete da cui scivola giù l'acqua, regalando sollievo dal caldo estivo.

maifermi-fiumi-diaterna-vicinanze-sasso-zanobi.jpg

Il Sasso di San Zanobi

Uno sperone di roccia dai risvolti misteriosi (forse vulcanici, forse meteoritici). Un luogo intriso di leggende e un panorama incredibile sulla valle circostante. Sono presenti anche tavolini da picnic.

maifermi-fiumiromagnoli-mappa-diaterna4.jpg

Torrente Diaterna

Il letto del fiume scorre tra pozze trasparenti (merito dei sassi e delle rocce bianche che schiariscono il fondale), alcune anche molto profonde. Foreste di platani alti e imponenti con le loro fronde regalano ristoro e ombra, indispensabile nei giorni più caldi. 

maifermi-fiumi-diaterna-vicinanze-osterialafaina.jpg

Ristorante La Cascata

Ristorante trattoria molto rustico e con un'ottima cucina: la grigliata è speciale, ma anche i primi tipici della zona - come i tortelli ripieni di ricotta - non sono da meno. Prezzi contenuti, servizio ottimo.