CASCATA
DI PERETO

Verghereto • Frazione di Pereto • 

Le cascate nascoste di Pereto

Pereto è una piccola frazione del comune di Verghereto che nasconde paradisi incontaminati, tra cui un paio di cascate e alcune pozze molto belle dove rilassarsi e godere del fresco che il Torrente Para regala anche nelle giornate più torride.

 

Scendendo il sentiero si incontra subito la Cascata di Pereto, alta una decina di metri, davvero molto suggestiva: s'infrange saltellando giù dalle pietre chiare in una piscina naturale poco profonda per poi allargarsi su una spiaggetta di ciottoli.


Qui è la montagna a farla da padrona: le pareti rocciose si alzano fino al cielo, frastagliate e in costante erosione, abbracciando dall'alto il fiume per quasi tutto il suo corso. 

Il suono della cascata, il raggi di sole che filtrano tra le fronde degli alberi e illuminano la pietra viva e nuda, rendono questo posto davvero magico, perfetto per una giornata immersi nella natura e nella sua atmosfera magica.  

In più, c'è la possibilità di raggiungere il primo gradone della cascata - arrampicandosi sulle rocce a sinistra con molta attenzione - e di sedersi proprio sotto il getto dell'acqua fresca: è stupendo sentire il corpo che si rigenera e la mente che lascia scorrere via i pensieri.

 

Lì, seduto sulla pietra, con il fiume che ti scorre addosso, l'odore del muschio e il sole che dall'alto ti scalda, il tempo si ferma e per un attimo ti senti un tutt'uno con la Natura. È veramente bellissimo.

Ma le sorprese non finiscono qui... Se si risale il fiume per almeno una mezz'ora, s'incontra un'altra cascata, più piccola e tranquilla, che scivola in una pozza, più profonda e larga, dalle acque cristalline e lucenti, dove tuffarsi o stendersi per rilassarsi, coccolati dai canti del bosco.

Continuando per ancora una ventina di minuti si arriva a una seconda cascata, alta e sottile che, scorrendo tra muschi, piante e radici, si getta in una piscina naturale abbastanza profonda, dove l'acqua limpida e fresca invita a immergersi per godere appieno di questo piccolo paradiso segreto e speciale.

COME ARRIVARE

Percorrendo la E45, uscite a Quarto e proseguite in direzione del Lago di Quarto (via del lago). Oltrepassata la diga, che vi rimane sulla destra, continuate per 8 km in direzione Pereto/Corneto/Para/Alfero. Una volta giunti alla frazione Para, superate un ponte di pietra che taglia il torrente. Tenete la sinistra dopo il ponte e continuate sempre verso Corneto/Pereto. Passata la frazione Corneto, arrivate a Pereto dove dovete svoltare sulla sinistra subito dopo il cartello col nome della frazione (PERETO) imboccando una strada in discesa (via Pereto). Proseguite per circa 500 mt fino a che non vedete un altro stradello ghiaioso a sinistra: una celletta in pietra con una Madonnina vi indica che siete sulla giusta strada. Dopo 100 mt siete arrivati al parcheggio QUI.

Il sentiero proprio a sinistra della casa abitata (segue la direzione della strada dalle quale siete arrivati) è molto stretto e poco visibile, viste le piante di more che d'estate quasi lo nascondono. I primi metri sono abbastanza semplici ma poi diventa ripido e scosceso. Passa da un cancello di filo spinato (accanto ci sono i pascoli) che dovete richiudere sempre. Continua nel bosco fino a raggiungere la cascata che avrete proprio sotto i vostri piedi. Per scendere alla pozza dovete mantenere la sinistra e scendere lungo il bosco, grazie anche all'aiuto delle radici degli alberi. Massima attenzione perché essendo poco conosciuta come destinazione il sentiero non è manutenuto.  

 

CONSIGLI UTILI
Il percorso per raggiungere il fiume è abbastanza difficoltoso, quindi indispensabili sono le scarpe da trekking.

È una meta poco affollata (in pochi sanno della sua esistenza). Con un bel pranzo al sacco potete godervi tutta la giornata sulla riva del fiume o farvi una bella passeggiata (anche questa abbastanza impegnativa) per risalirlo e trovare le altre cascate del Torrente Para.

 

Ricordatevi di portare a casa con voi i rifiuti! La regola è semplice: lasciamo sempre il posto ancor più bello di come l'abbiamo trovato (chi ama il fiume lo protegge e spesso è proprio chi lo frequenta che lo tiene pulito!).

Ah, occhio che il cellulare non prende, già dall'inizio del sentiero, quindi per sicurezza lasciate sempre detto dove andate!

VICINO ALLA CASCATA DI PERETO

maifermi-fiumiromagnoli-mappa-cascataalferello5.jpg

Cascata dell'Alferello

La Cascata dell’Alferello è uno dei più belli e affascinanti salti naturali di Romagna, gioiello incastonato nella Valle del Savio. È alta circa 30 metri e sotto di sé ha creato una pozza larga e non tanto profonda, dove ci si può immergere o farsi una bella “doccia” massaggiati dall'acqua che scende. 

fiumi-romagnoli-maifermi-campingaltosavio.jpg

Camping Alto Savio

Il Camping Alto Savio di Bagno di Romagna è completamente immerso nel verde e si estende su una superficie di oltre 13000 m². È attrezzato e offre piazzole per tende, camper e roulotte, bungalow in legno, tende sospese e tende in legno. Inoltre dispone di bar, minimarket, area ristoro per pranzo e cena, parcheggio e organizza escursioni e tante altre attività, per grandi e piccini. 

maifermi-marnediverghereto-nonsolofiumi-romagna.jpg

Marne di Verghereto

Se per un giorno vuoi viaggiare e sentirti su un altro pianeta, le Marne di Verghereto sono la giusta meta. Qui il vento sgretola ciò che sembra immobile e disegna solchi profondi: dall'alto assomigliano a radici vive che sprofondano nelle chiome degli alberi, intrecciandosi a loro. Tutt'intorno le montagne riposano, l'Appennino si allunga a vista d'occhio e il cielo, che ci sia il sole o che ci siano le nuvole, macchia di ombre queste formazioni rocciose spettacolari, che tolgono in fiato.

fiumi-romagnoli-maifermi-agriturismo-incisa-cascaalferello.jpg

Agriturismo Incisa

L'Agriturismo Incisa offre camere arredate in stile rustico e confortevoli. È presente una piscina e delle vasche idromassaggio esterne riscaldate. Il ristorante propone cucina tipica romagnola con materie prime biologiche di produzione aziendale. Si organizzano escursioni a cavallo e passeggiate panoramiche. 

fiumi-romagnoli-maifermi-fattoriaautosufficienza.jpeg

La Fattoria dell'Autosufficienza

Agriturismo e centro di ecologia applicata situato nell’Appennino Romagnolo, ai confini del Parco delle Foreste Casentinesi, un luogo meraviglioso, con un panorama mozzafiato e una natura in parte incontaminata. L’edificio è stato costruito con materiali naturali (roccia, calce, terra, canapa, legno), gli arredi e il pavimento sono in legno e trattati solo con oli naturali e vernici ecologiche, i saponi e detersivi sono eco-compatibili e naturalmente tutto ciò che offre la cucina è biologico, a km0 e prevalentemente vegetale e integrale.

fiumi-romagnoli-maifermi-lagopontini-cascaalferello.jpg

Lago Pontini

Offre ai propri clienti la possibilità di assaporare i gustosi piatti della tradizione romagnola proposti anche seguendo le stagioni dei prodotti tipici locali. La struttura è dotata di tre mini appartamenti che si affacciano direttamente sul lago.